Domenica mattina oltre 1.200 atleti hanno scelto Pescara per vivere l’esperienza Ironman, in occasione dell’evento giunto all’ottava edizione dedicato interamente agli Age-group. Tra i partecipanti all’IRONMAN 70.3 di Pescara c’erano anche tre atleti del Triathlon Team Pezzutti, tutti all’esordio nella gara del capoluogo abruzzese: Gianluigi Berton, Ivan Furlan e Dario Nadal. Per Berton e Nadal in particolare è un punto di arrivo di un percorso iniziato poco più di un anno fa, quando si sono avvicinati al triathlon, iscrivendosi nella nostra squadra. Furlan ha più esperienza, ma anche lui era al primo Ironman 70.3 e l’emozione si è fatta sentire.
Il percorso prevedeva 1,9 km di nuoto nelle acque dell’Adriatico, per proseguire con i 90 km di bike lungo un percorso abbastanza tecnico, infine i 21 chilometri di corsa (mezza maratona) nel centro cittadino, per arrivare al traguardo direttamente sul mare.
Era una giornata caldissima a Pescara domenica e questo non ha agevolato i triatleti. Il mare, solitamente mosso, era invece calmo. Frazione di nuoto molto veloce e tirata per i nostri alfieri: Furlan è uscito dall’acqua in 31:15, Berton in 32:37 e Nadal in 33:26.
La frazione bike consisteva in due lunghi bastoni, con pochi rilanci. Berton ha dato gas nei primi 45km (chiusi in 1h15′), per rallentare leggermente nella seconda parte e concludere la frazione con un buon tempo, 2h41′. Furlan ha inforcato la bici dopo una T1 non velocissima (“Potevo fare i cambi più velocemente, ma oggi mi sono voluto godere ogni minuto della gara” – racconta) e ha mantenuto una media di 31,8 km/h, concludendo in 2:51:32, anche per risparmiare qualche energia per la sua frazione preferita, la corsa. Nadal ha pedalato con buona gamba e ha terminato la frazione in 2:46:44.
Nella frazione di run Ivan Furlan ha messo il turbo e ha sfilato una cinquantina di avversari, risalendo posizioni in classifica e facendo segnare un ottimo tempo per la mezza maratona, 1h39′. Un po’ meno agevole la frazione per Berton e Nadal, che hanno stretto i denti e gestito le forze residue, non gettando mai la spugna. Berton si era prefisso di stare sotto le due ore e così è stato, nonostante una “crisetta” a metà frazione (1:56:30 il suo tempo). Nadal, solitamente molto veloce nella corsa, ha preferito non andare fuori giri e ha gestito le forze fino al traguardo, chiudendo l’ultima frazione in 1:55:47.

Di seguito i tempi finali dei tre alfieri naoniani:
– Ivan Furlan 5:17:00 – 34° categoria M45, 267° assoluto tra gli uomini
– Gianluigi Berton 5:20:47 – 43° categoria M45, 299° assoluto tra gli uomini
– Dario Nadal 5:26:40 – 62° categoria M35, 351° assoluto tra gli uomini

Tutti e tre provati, ma felicissimi ed anche emozionati, ed è questo quello che conta veramente. La soddisfazione di avercela fatta in un contesto del genere, alla prima partecipazione.
I tre, infine, hanno voluto fare una dedica speciale al termine della gara, pensando ad un compagno di squadra, al quarto moschettiere che avrebbe dovuto partecipare insieme a loro ma che ha dovuto arrendersi per un infortunio a pochi giorni dall’evento: Davide Bertoli.

Cliccando su un oggetto o su un altro link nel sito web o Accetto, accetti di usare i cookie e altre tecnologie per l’elaborazione dei tuoi dati personali allo scopo di migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione compresa l’eventuale pubblicità di terzi. Ulteriori informazioni su come gestire le impostazioni sulla privacy le trovi al link "Privacy Preferences". maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi